Coronavirus, il pasticcio delle seconde case: “Vietato trasferirsi”, ma non c’è nessuna norma